Paura.
paura di guardarmi negli occhi,
occhi che piangono polvere,
polvere dispersa nel vento,
vento che accarezza le mie mani,
mani che cercano altre mani,
mani lontane e oramai gelide
 
gelide come la neve d’inverno,
inverno perenne nel mio cuore,
cuore nero come la notte,
notte che mi stringe forte.
Forte la piogga cade sull’asfalto,
asfalto di una strada,
strada che ho scelto,
scelto di prendere,
prendere o dare?
Dare senza ricevere?
Ricevere senza dare?
 
   Dammi un attimo,
       devo decidere ciò che è giusto.
     Per il resto…
          Nel frattempo….
  Un altro pensiero perso.
 
   
 
 
 
 
 
 
Annunci