Questa è una canzone che scritto circa 2 anni fa, è un pezzo di vita.
Mi stavo riprendendo da un brutto periodo e quando un giorno mi resi conto che intorno a me c’erano persone che stavano peggio…beh che dire, ho scritto questo, un pò per me, un pò per cercare di tirare su di morale loro…

Mai più mi ritroverò a cercarti, motivo semplice per negarti, dimenticarti, farti parte di un universo fatto di sogni, ricordi, scontri nati da finti torti, giorni persi a cercarti cercando di convincerti, credimi, mi son buttato temendo di perderti, vorrei potessi capire che per te tipa potevo anche morire.
Un anno senza vita, ora sono in ripresa, trovato una mano tesa che m’ha aiutato senza posa, rimandandomi la resa, ora, sono qui che parlo in prosa, mentre tu in bianco sei sposa, ma oggi non sono triste non lo sarò mai più, ho sentito una canzone che m’ha tirato sù e che diceva:
Don’t be sorry too long,
don’t you worry you’re my only one.
Don’t think I hate you
I’ve been here,waitin all time for you…
Dont’ cry anymore
you’re not alone

Cercando di capire come sta andando
cercando di scoprire
chi avrò accanto

Ho avuto amici, felici, tristi, misti tra migliori e peggiori, amori passeggeri, con troppe mete e pochi pensieri,
fiero d’averli conosciuti, per altri pentito d’averli incontrati,
vorrei non fossero mai esistiti, ma senza loro non avrei mai potuto apprezzare quelli che per me darebbero anche il cuore,
gente conosciuta in un lampo, spariti d’un tratto con un tuono, uno schianto, strade impazzite, auto  distrutte e altre vite prese, t’ho vista piangere per più d’un mese, c’ho pianto anche io e non lo conoscevo ma oggi ho sentito una canzone che diceva più o meno:
ritornello

Don’t be sorry too long,
don’t you worry you’re my only one.
Don’t think I hate you
I’ve been here,waitin all time for you…
Dont’ cry anymore
you’re not alone

Cercando di capire come sta andando
cercando di scoprire
chi avrò accanto

Mi chiedo, ci devo credere?
O devo solo stare ad aspettare e continuare a perdere?
Datti una mossa e tirati su,
lotta con quelli che scavano la fossa per buttarti giù,
rime banali, semplici,
ma ch’esprimono sensazioni e sentimenti autentici,
paure che si trasformano in torture costringendomi a fughe dal mondo reale per trovare rifugio in quello delle fiabe,
storie inventate, lette e dimenticate,
richiamate da un istante, seppur così esile per me molto importante, e mentre una canzone mi dice di non essere triste mai più, io prendo carta e penna e ci scrivo su…
Don’t be sorry too long,
don’t you worry you’re my only one.
Don’t think I hate you
I’ve been here,waitin all time for you…
Dont’ cry anymore
you’re not alone

Cercando di capire come sta andando
cercando di scoprire
chi avrò accanto

Annunci