Il titolo non c’entra nulla col post, è solo il titolo della canzone con cui l’ho scritto. Scrivere ciò che pensiamo è forse proibito?

“Se t’interessava saresti venuto”
Proprio così.
O chissà forse no.
È uno strano modo di pensare,
ma credo che ognuno debba affrontare il suo dolore senza nessun aiuto.
Dico questo forse perché nessuno mi ha mai aiutato, eppure guardami, sono ancora qui.
Sono ancora vivo.
Ho visto gente nascondere il dolore fingendo di star bene.
Ma credo sia inutile nascondersi dietro ad un sorriso quando la realtà è quella che è;
e tu hai paura di affrontarla, di accettarla.
È inutile sognare di volare poiché se hai paura non aprirai ma le ali, piccolo angelo…
Sono qui che scrivo.
Fuori sta piovendo.
Tra il rumore di una goccia e l’altra, non faccio a meno di pensare che un giorno sarai felice. Ne sono sicuro.
Quindi combatti il tuo dolore, usalo a tuo vantaggio. Questo è quello che ho imparato dai ragazzi che sognano di volare. Questo è quello che ho sentito dire tra i ragazzi che sanno volare.

Tue03/15/2011
1.17 a.m.
—M—

Annunci